Affascinati dalla leggenda buddista sui gatti

Gatos Paradais Sphynx

Informazioni su gatti, la loro cura e la salute, razze di gatti, di genetica, di cat. Foto e video.

Intestazione di Destra

  • Animales
  • Perros
  • Cento
  • Rettili
  • Anfibios
  • Aves
  • Peces
  • Mamíferos
  • Sphynx
  • Perro sin pelo
  • Invertebrados
  • Natura
  • Viaggi

Autore: Paradais Sphynx 1 comentario

In questo página gatti

  • 3.1. Più informazioni su gatti, razze, cura…

Poche sono le culture che in realtà il culto di gatti come i buddisti, questo ha le sue radici grazie a leggenda buddista sui gatti, che spiega molti dei fattori che hanno costruito questo legame indistruttibile tra l’umano e il felino.

Non è necessario appartenere alla religione buddista, al fine di sentire il gatto come un animale che è davvero speciale. Essi sono in grado di trasmettere calma, equilibrio e un sacco di tenerezza. Quando un gatto entra in casa tua, non è detto che equilibra le energie, poiché attraverso di loro si può scaricare da onde negative che soggiornano nella nostra auto, ma non rimanere con tale negatività, ma indirizzato direttamente a terra.

Il gatto è un animale che è governato dai loro istinti, perché nulla di ciò che non è, si prega di nessuno, nemmeno gli esseri umani che vivono accanto a lei. Non si può parlare di “responsabili” o “maestri”, in quanto questi piccoli gatti sarà in grado di prendere il posto di un animale domestico, ma non rispondere mai ai tuoi ordini o capricci, che non significa che non professano il più sincero affetto.

La linea di demarcazione tra appartenenza e di indipendenza è offuscata con questi animali, ma loro sanno perfettamente fino a dove è possibile.

Se oggi, abbiamo deciso di optare per una destinazione esotica per la nostra vacanza e siamo arrivati in un tempio buddista, ciò che noi chiamiamo l’attenzione non sarà scultoreo, statue di Buddha, ma i gatti che resto sul vostro giro o muoversi con circospezione e magestuosidad dal luogo, perché in quei templi non sono solo loro il benvenuto, ma sono anche la vostra casa. Ma, da dove viene questa abitudine? Qui la leggenda buddista sui gatti per aiutarvi a capire da dove proviene la presenza di un felino nei templi buddisti.

la Leggenda…

C’è una diffusa leggenda buddista su il gatto che un giorno un gattino addormentato sulla veste del Buddha. Quest’ultimo ha deciso di non disturbare il suo sonno tranquillo, e, per continuare con le loro attività, e tagliare il pezzo di mantello, per essere in grado di stare in piedi senza il gatto tagliato corto il suo riposo.

da questo momento e secondo la leggenda buddista sui gatti, il gatto ha iniziato a essere una parte del meditazioni buddiste. L’insegnante che ha fatto il felino ha cominciato a partecipare a questi incontri un buon giorno in cui morì. Dopo vi chiedete qual è il cammino da seguire, il suo successore ha permesso il gatto di continuare ad accompagnare le loro classi e le meditazioni del buddismo zen. Questa storia ha iniziato a farsi conoscere nei templi della regione e, dal momento in cui il gatto è morto, come molti templi sono stati presi in questi animali come compagni infallibile di meditazione. Il primo tempio di acquistare uno ha l’altro e in modo che il gatto ha iniziato a far parte delle pratiche della religione.

Anche venuto per essere scritti trattati scientifici che hanno dimostrato che la presenza del gatto aumentato la concentrazione dell’essere umano. Ecco come è nato questo leggenda buddista sui gatti.

tuttavia, le cose non sono andate così bene per questo grazioso felino, come è stata la volta di assumere il ruolo di Buddha a un insegnante che era allergica al pelo di gatto, in modo stato rimosso dal suo ruolo di compagno il gatto.

Fu in questo periodo che cominciò a piovere, in un turbinio di trattati che ha parlato dell’importanza del buddismo zen, senza il bisogno di contare con il gatto in una delle sue meditazioni.

ci sono voluti un lungo periodo di tempo, più di tre secoli, in modo che, alla fine, il gatto potrebbe rivendicare la sua posizione perduta, e di essere di nuovo presenti nella casa del buddismo.

La leggenda buddista sulla gatti e il libro di Poesie di Gatto

Il Tamra Maew è il libro di poesie di gatto, ed è anche parte della leggenda buddista sui gatti ed è uno dei tesori della biblioteca nazionale di Bangkok. In questo libro si racconta che, secondo il ramo del buddismo theravada, quando una persona muore, la sua anima si fuse insieme molto armonioso il corpo di un gatto.

grazie a questa leggenda buddista sui gatti che quando qualcuno è morto, fu sepolto accanto a un gatto. Naturalmente, il buddhismo, come una religione che rispetta la vita dell’animale come essere umano, egli non poteva permettere che sarà la vita di un animale, in modo che egli è stato lasciato fuori. Una volta sono tornato verso l’esterno, i membri della famiglia del defunto vengono lasciati in pace, in quanto erano convinti che l’anima della sua amata era già stata ospitata nel corpo del gatto. Salire a lume di aereo che ci aspetta dopo la morte fisica, ha dovuto attendere il felino in questione era morto.