La storia dell’ombrello ombrello — Che ha inventato, l’origine e l’evoluzione

nessuno sta Per lasciare la casa senza andare dotato di un buon ombrello in un giorno di pioggia. Cosa che al momento ci sembra un oggetto di uso quotidiano, ma che non è sempre stato così. In CuriositàSfera.com vorremmo spiegare il la storia dell’ombrello, qual è la sua origine, che è l’inventore e come è stata l’espansione, l’evoluzione e l’accettazione sociale. Cominciamo?

La prima cosa è che dipende da paese può avere un diverso significato. Ombrellone, ombrellone, ombrellone,… sinonimi ombrello, ma in altri luoghi non. Per esempio ombrelloni per gli uomini e ombrelloni per le donne, o alla prima pioggia, e la seconda per il sole. È la ricchezza della nostra lingua. 🙂

  • 1 Che ha inventato l’ombrello?
  • 2 Origine dell’ombrello
  • 3 Espansione dell’ombrello
  • 4 Storia dell’ombrello in Spagna
  • 5 Storia dell’ombrello America
  • 6 l’Evoluzione dell’ombrello
  • 7 Video sulla storia dell’ombrello o un ombrellone
  • 8 Postcast sulla storia dell’ombrello

Chi ha inventato l’ombrello?

Sicuramente, se siete interessati da questa invenzione, abbiamo eseguito la seguente domanda: Chi è l’inventore dell’ombrello? Ciò che è vero è che non si sa con precisione ciò che una persona era. Ma se vi state chiedendo dove è stato inventato l’ombrello?, sì che siamo in grado di rispondere con totale sicurezza: l’ombrello è stato inventato in Cina. E infine, forse volete sapere quando è stato inventato l’ombrello? Beh, dovresti sapere che l’ombrello è stato inventato nel XI secolo. C.

E che, anche se non è possibile dimostrare il suo scopritore, c’è una leggenda cinese che dice che l’ombrello è stato inventato da Lu Mei. Questa era una ragazza che aveva lavorato con il fratello maggiore, quale dei due era in grado di costruire un oggetto per essere protetto dalla pioggia.

In una sola notte, Lu Mei è stato in grado di sviluppare una sorta di canna da zucchero, dalla quale sono nati i” 32 aste realizzato con bambù e sono stati coperti insieme da un tessuto che ricordava la forma di un fungo o di funghi. Purtroppo, come abbiamo detto prima, questo è solo un racconto popolare, non è un fatto dimostrabile.

Origene del paraguas

Dopo quello che abbiamo appena descritto al punto precedente, sì, si può dire che l’origine dell’ombrello è in Cina nel XI secolo.C. Anche in questo antico paese ha la sua origine il primo ombrello pieghevole, inventato più di 1700 anni.

allo stesso modo, sono stati anche i cinesi il primo che impermeabilizzate l’ombrellone, trasformandolo in un ombrello per come la conosciamo oggi. Avuto questa utile funzionalità, la copertura di un ombrello con la cera e lacca.

Nei primi anni della sua scoperta, sia la versione per proteggersi dalla pioggia, così come progettato per il sole, potrebbe impiegare solo per persone di alta classe sociale, politico o nobile. Era normale che lui dovrebbe essere un servo o schiavo che si danno delle arie, che copre il suo padrone.

la Cina è un paese affascinante con una lunga storia piena di favole e racconti misteriosi. E l’oggetto di cui parliamo in questo post non è un’eccezione. Ogni giorno gli oggetti più banali e quotidiane, come l’ombrello, hanno la loro propria leggenda. La stessa cosa accade con l’origine degli scacchi, l’invenzione del denaro, o l’origine del riso.

l’Espansione dell’ombrello

L’ombrello, ha iniziato la sua espansione dalla Cina attraverso la via della seta. I primi paesi ad Corea, Giappone e Persia. Dovrebbe essere notato che all’inizio, in queste regioni, utilizzato per la protezione contro i raggi del sole, che è a dire, come un ombrellone. Solo nel paese in cui è stato inventato è stato usato per proteggere dalla pioggia l’acqua.

Anni dopo, l’ombrello è venuto a Impero Assiro, Egitto, Antica Grecia, e, più tardi, le regioni appartenenti al Impero Romano. Anche qui è stato utilizzato solo come un ombrellone.

è Interessante notare che, tra gli egiziani, è usato come un oggetto di rituale cortese ed è stato anche un segno di avere grande influenza di coloro che hanno beneficiato l’ombrello in presenza del faraone. In contrasto, in Grecia, che hanno potuto usufruire di donne.

Dopo la caduta dell’Impero Romano, in Italia l’occupazione del umbráculum (schermature solari) ha continuato ad essere impiegato provvisoriamente, ma nel resto d’Europa, l’ombrello è caduto praticamente nel dimenticatoio. Per esempio, il Medioevo ha ignorato completamente. Ma nell’ultimo terzo del XV secolo, apparve di nuovo l’ombrello in Francia. In particolare nella sua capitale, Parigi.

In Francia, come nei tempi antichi, ha continuato ad essere impiegato come un semplice segno esterno di prestigio.

è Stato preso come un oggetto di lusso impiegare solo le classi di stirpe elevata. Nessuno lo assunse per proteggersi dalla pioggia con lui. Appena sostituito il bastone e la spada, poiché il disuso di entrambi gli elementi hanno coinciso nel tempo.

Come abbiamo visto, non è impiegato in modo logico, almeno per quanto riguarda il concetto di ombrellone attualmente abbiamo: per evitare di bagnarsi. Era l’Inghilterra, la prima nazione europea per impiegare correttamente l’ombrello. O che è lo stesso, per proteggere dalla pioggia, uso che non è molto diffusa in altri paesi fino al XVIII secolo. Qualcosa di molto simile a ciò che è accaduto con la ventola (si può vedere la storia di gamma).

Nel loro accettazione sociale ha svolto un ruolo cruciale in un bizzarro individuo appartenente alla nobiltà britannica, sir Jonas Hongway (nato nel 1712). E ‘ stato un precursore dell’ombrello, un aggeggio che ha visto per la prima volta Russia e praticamente caduto nell’amore con, perché era sempre con uno in mano.

Questo eccentrico personaggio è stato equipaggiato con il suo ombrello sia nei vostri circoli sociali più elegante come nei quartieri più poveri. Ignorando gli insulti e i fischi che ha ricevuto da alcuni teppisti, e senza ascoltare le lamentele dei cocchieri delle carrozze disponibili per il noleggio (vedi la storia del taxi) che credevano era un tipo di arma.

Anche alcuni ufficiali dell’esercito britannico sono appassionato di ombrello perché credevano che era un elemento che ha offerto l’eleganza, e li ha aiutati a mantenere una postura in posizione completamente verticale. Infatti il duca di Wellington fu costretto a vietare nel 1818 l’ombrello sul campo di battaglia e nelle campagne militari.

la Storia dell’ombrello in Spagna

Dopo il boom dell’ombrello in Inghilterra e in Francia, tra i paesi europei, è arrivato con enorme forza di questo elemento di Spagna nel XVIII secolo, pur avendo una storia alle spalle di più di tremila anni.

Spagna venne circondato da un alone di elitarismo e di prestigio. Tanto che l’ombrello è trasformato in un oggetto del desiderio molto ambita da parte di individui che apparteneva alla nobiltà e la Corte di spagna.

Successivamente, come affermato in alcune opere della letteratura spagnola raccolti, sia il ombrellone o un ombrello come ombrello sono un elemento che ha aiutato l’intimità degli amanti. “quanti baci rubati sotto le ali di questi pipistrelli”, si può leggere nel greguerías l’ombrello scritto da Ramón Gómez de la Serna (1888-1963). Può anche leggere: “quanti baci d’amore al riparo sotto i portici, le piazze nei giorni di pioggia!”

E non è che all’inizio, all’interno di gente comune, che praticamente nessuno visto che altro era servita da un ombrello, tranne per baciare e preservare la pelle bianca del signore dei raggi del sole, qualcosa di molto di moda al momento (si può vedere la storia di abbronzatura).

Ma aneddoti a parte, ha acquisito una grande importanza nel settore paragüera in Spagna. Che è un testamento per il grande consenso che questo oggetto tubo in Spagna. Principalmente a Valencia e a Barcellona, dove non molti anni fa erano due città conosciuta per il loro importante industria paragüera.

la Storia dell’ombrello America

Come abbiamo detto in precedenza, dopo la caduta dell’Impero Romano fino alla fine del Medioevo, l’ombrello, è quasi scomparso. Essere spagnolo una delle prime città in cambio di vedere il suo uso. Ma non era in Europa, ma in Messico.

In queste terre, personaggi come Hernán Cortés, videro con meraviglia come la nobiltà azteca ha dato corse dotato di una sorta di ) o ombrelloni da la città di Tenochtitlan. Un fatto che si riflette in alcuni scritti del tempo e che ancora oggi sono conservate.

Con il passare del tempo, il colonizzazione spagnola insieme con la ripresa dell’ombrello in Europa, fatta lentamente diventando di uso comune nel resto dei paesi dell’America.

Molti anni più tardi, English sono stati anche in grado di verificare la sua occupazione tra i nativi americani delle colonie americane del Nord. È interessante notare che, coloni inglesi affermato di aver visto gli indiani discutere ombrello colpi se si levò le differenze tra i loro capi nel corso di una cerimonia.

l’Evoluzione dell’ombrello

Il primo ombrelloni sono state fabbricate da numerosi materiali. L’uomo applicato il suo ingegno per utilizzare le materie prime che egli aveva prontamente a sua disposizione. Naturalmente, con il passare del tempo e la fornitura di nuovi materiali, fatti l’ombrello a evolversi e raffinato.

In Cina, paese di origine dell’ombrello, è fatta di canna con diversi tipi di legno. L’asta è realizzato con bambù e il rivestimento con tessuti grossolani, o anche la carta (vedere storia della carta) che ha trattato con vernice o cera.

Il primo ombrelloni in Europa sono stati realizzati con ossa di balena o di legno, e sono rivestiti con un pelo di alpaca. Ma all’inizio l’ombrello, ha avuto poco successo, come loro aste di canna erano rigide, ed è sempre stato uno dovrebbe essere aperto. Qualcosa che è stato fissato per l’anno 1805, quando Jean Marius inventato l’ombrello pieghevole.

Come l’elemento principale è stato destinato per persone con alto potere d’acquisto e di lusso, il tessuto, canna e aste hanno bisogno di materiali esotici, efficacia, e specializzati.

Per la produzione di canna o un bastone, che deve essere flessibile e resistente per essere in grado di resistere alla forza del vento, sono stati utilizzati di canna, legno, e anche di ferro. Particolare attenzione è data alla presa, che è stato allegato alla retta di canna e sono stati realizzati con il corno di un animale, avorio, osso, conchiglia, tartaruga e alcuni boschi, scolpite o incise con una miriade di forme bizzarre e motivi.

la Cura speciale è necessaria per costruire il collegamento. Esso è realizzato con diversi materiali come il rame, il ferro, pasta, canna da zucchero e anche un fanoni di balena.

con il Rispetto per il tessuto, di solito utilizzato per utilizzare la seta. Con il passare degli anni, si stavano adattando altri materiali, per esempio il cotone, la seta, e molto più di recente, nylon.

allo stesso modo, nell’anno 1823, il chimico scozzese Charles Macintosh (1766 – 1483) inventato il primo ombrello moderna impermeabile. E ‘ stato fatto con la gomma, che è stato un problema, emanava un forte odore piuttosto sgradevole. Con queste innovazioni sono state riduzione costi di produzione, rendendo sempre più accessibile al popolo.

la Storia ci ha dimostrato l’enorme valore di questo oggetto. è L’ombrello ha conosciuto molte evoluzioni e miglioramenti, tra cui alcuni un po ‘ strano, come l’invenzione dell’ombrello gonfiabile opera della francese Mauricio Goldstein, brevettato nel 1970.

Video sulla storia dell’ombrello e del parasole di

qui di seguito vi lasciamo questo video dove si può vedere come è stata la storia di un ombrellone o un ombrello, e la sua evoluzione con il passare del tempo:

Postcast sulla storia di paraguas

vi offriamo Anche questo interessante audio o postcast di un programma radiofonico in cui si spiega la sorprendente storia di un ombrellone o un ombrello. Speriamo che ti piace (a partire dal minuto 1:40):

Vuoi saperne di più?

CuriositàSfera.com ci aspettiamo la storia degli ombrelli è stato divertente e interessante. Se siete ancora vogliono di più risposte, o per vedere altri fatti interessanti e storico curiosità, oltre al capo nostra categoria di Storia. Ma se per te è più facile, potete scrivere le vostre domande nel motore di ricerca del nostro sito web. E ricordate, se vi è piaciuto, per favore, dammi un like, condividete con i vostri amici o membri della famiglia, sui social network o lasciare un commento. 🙂